Parabola – Roberto Vecchioni Loading

Parabola è un brano dall’omonimo album inciso dal cantautore Roberto Vecchioni nel 1971. Parabola racconta la vicenda di un padre creatore e dei sue figli “Poeta” e “Ragioniere”. Il tema della duplicazione dell’io è un topos ricorrente all’interno della discografia di questo grande artista.

Accordi della Canzone

[CAPOTASTO +1]

VERSE 1
========
        LAm        MI          LAm
Con la moglie dal quale ruppe subito
           REm         LAm
ma non in tempo per evitare
           MI                  LAm
che gli nascesse un figlio naturale

      LAm           MI             LAm
Era vecchio, era saggio e non sbagliava
               REm           LAm
mai e ben che fosse falsa moneta
            MI                LAm
tacque con tutti e lo chiamò Poeta

        LAm       MI             LAm
da sua moglie poi ebbe un figlio vero
         REm           LAm
uno che aveva sempre ragione
        MI                         LAm
e Ragioniere per questo fu il suo nome

      LAm      MI           LAm
Ragioniere cresceva molto algebrico
       REm                LAm
Poeta aveva lo sguardo assente
         MI                   LAm
parlava tanto ma non rendeva niente


CHORUS
========
  LAm     SOL     SOL             LAm
Ragazza ragazza perché tu quella sera
 LAm       MI        MI            LAm
giravi da sola per tutta la brughiera?
  LAm     SOL     SOL          LAm
Ragazza dovevi restare a casa muta
  LAm            MI       MI        MI
adesso c'è chi piange d'averti conosciuta


VERSE 2
========
   LAm       MI          LAm
e Poeta le disse: "Margherita,
            REm            LAm
qui c'è la luna che ci fa lume
           MI                   LAm
vieni a giocare inventeremo un fiume"

       LAm            MI       LAm
come attore non era proprio l'ultimo
      MI               LAm
e le confuse tutte le idee
          REm                 LAm
facendo sfoggio di rose e di azalee

      LAm        MI             LAm
E poi corse dal padre a dirgli subito:
              REm          LAm
"Ho fatto un fiume di primavera,
         MI                    LAm
oltre la valle, dentro la brughiera"

       LAm            MI           LAm
"Che scemenza è mai questa, figlio mio,
               REm            LAm
no non c'è un fiume nella brughiera,
           MI                     LAm
lo so per certo li ho fatti tutti io"


CHORUS 2
========
      LAm       SOL      SOL           LAm
"Io, padre, ti sfido, se tu sei il creatore
     LAm       MI         MI           LAm
tu prova a levarlo quel fiume dal suo cuore
    LAm      SOL      SOL         LAm
io padre ti sfido, se sei l'imperatore
    LAm      MI          MI            MI
tu prova a levarci quel fiume e questo amore"


VERSE 3
========
      LAm        MI              LAm
Era vecchio era saggio e non sbagliava mai
          REm               LAm
prese da parte il figlio accorto
              MI                          LAm
gli tolse il libro cassa e lo mandò nell'orto

          LAm      MI         LAm
là, nell'orto, piangeva Margherita
          REm                       LAm
soffriva tanto che lui la portò al mare
            MI                     LAm
il mare è facile, c'è poco da inventare

         LAm       MI         LAm
e fu il vecchio a benedir le nozze
           REm                LAm
dicendo: "Andate figli della terra
           MI                  LAm
voi siete giusti e non avete guerra"

     LAm         MI       LAm
Poi rivolto all'infame parolaio
    REm                        LAm
lo cacciò via col gesto di una mano
          MI                    LAm
la giara vuota non serve più a nessuno


FINALE
========
         LAm        MI        LAm
"Per il mondo ch'è mio ti maledico
       REm                LAm
avrai vent'anni tutta la vita
         MI                   LAm
ma non potrai che amare Margherita"


Potrebbe Interessarti
Pagina visitata 370 volte